Piove, entra l’acqua in casa. Come mai? C’è una finestra aperta. La chiudi. La pioggia si ferma contro i vetri.

Non è colpa tua se piove, ma puoi fare comunque qualcosa, se vuoi evitare di allagare casa. Hai il potere di agire, di compiere un gesto che, seppur piccolissimo, fa la differenza. Questa è la forza della responsabilità. Grazie all’azione, ti permette di fare la differenza.

Troppo spesso siamo stati abituati a focalizzarci sulla colpa, ma non è trovando il colpevole che risolveremo il nostro problema. Tantomeno sentendoci colpevoli, se abbiamo spalancato noi i vetri, con tutte le buone intenzioni del caso, quando il cielo era ancora sgombro. Possiamo rifletterci sopra o parlarne, dopo, ma intanto agiamo. Mettiamo in atto una soluzione per migliorare la situazione. Basta poco, molto spesso, non sempre, ma sempre un’azione utile può tirarci fuori dal problema. Spesso sottovalutiamo le nostre possibilità, l’impatto che un piccolo gesto può avere su una situazione più ampia, come una reazione a catena, un domino, un butterfly effect.

Una sera, appena arrivata a casa dopo una lunga giornata nel centro fitness dove lavoravo, una receptionist mi chiamò al cellulare. C’era una sala scoperta: l’istruttore era convinto di aver finito il turno un’ora prima dell’orario concordato. Lo chiamai immediatamente.

“Puoi fermarti ancora un’ora?”

“Sì, ma eravamo d’accordo che…”

“Ok, Puoi fermarti un’ora in più?

“Sì”

“Bene, dopo che hai finito lezione vai a guardare i messaggi che ci siamo scambiati, ma ora vai”.

Dopo un’ora ricevetti un messaggio di scuse. L’istruttore aveva controllato la conversazione che avevamo avuto via messaggio e si era reso conto di aver sbagliato. Nel frattempo, i clienti avevano potuto usufruire dei corsi che lui aveva tenuto ed erano rimasti contenti.

Questa è responsabilità. L’abilità di rispondere agli eventi.

Poi si analizzano le cause, a volte. Altre basta rimanere focalizzati sui propri obiettivi, sulle migliori soluzioni, quelle che fanno contente più persone possibile.

L’istruttore era mortificato, era un ragazzo molto preciso e puntuale. “Stai tranquillo” gli avevo detto “proprio perché so quanto sei preciso, sono certa che una situazione del genere non si ripeterà più”.

E così è stato. Ci sono persone che meritano la nostra fiducia. Persone che spesso hanno ricevuto più mazzate che complimenti nella vita e, proprio per questo, potrai contare su di loro. Puoi farti testimone di responsabilità con il tuo esempio e regalare a qualcuno la possibilità di dare un significato diverso alle cose e renderlo consapevole del fatto che può agire per migliorarle.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: